Silvia Della Rocca

introduzione

“L’Italia non è il Mondo”. Cosi affermava il Cavaliere del Lavoro Alberto Giacomini già nei primi anni ’50 che pur arrivando dal piccolo paese di Boleto (Madonna del Sasso) riteneva che ci fosse là fuori un mondo da scoprire e con questo spirito alimentato sin da bambino, tra il 1956 il 1958 aveva già esplorato e si era già insediato in Paesi come gli Stati Uniti, gran parte dell’Europa e in Russia, oltre che perlustrato il Nord Africa, non solo ed in primis come potenziali mercati commerciali, ma come elementi di apprendimento culturale e innovativo conoscendo persone, usi e abitudini dei diversi luoghi ritenendolo un elemento fondamentale per una crescita personale e sociale.
E’ per questo motivo che per questo nuovo appuntamento d’arte presso il nostro e suo amato San Rocco abbiamo scelto come Fondazione Cavaliere del Lavoro Alberto Giacomini la donna e artista Silvia Della Rocca, in quanto con la sua storia professionale e umana e il suo poliedrico percorso lavorativo incarna e ben rappresenta quanto sopra esposto nel raccontare l’imprenditore visionario eclettico e sensibile Alberto Giacomini. Non da meno lo rappresenta la pluralità di strumenti espressivi e rappresentativi utilizzati dall’artista Silvia, come lo scalpello, che ci piace ricordare rimandi all’amato padre scalpellino e alla pietra della Madonna del Sasso.
Silvia Della Rocca in maniera sublime con le sue rappresentazioni artistiche ricche di senso materico e scintillii di luce ci rimanda suggestivamente ed emotivamente ad un contatto con la materia di cui è fatto il Mondo e ci porta e riflettere della sua bellezza ma anche, con l’utilizzo del vetro, alla fragilità che ha al suo interno.
Di estrema attualità oggigiorno, con una riscoperta e attenzione fin nel più piccolo particolare e essere vivente ci spinge a riflettere sull’urgenza di tutelare e salvaguardare il Pianeta e l’Uomo che ci vive con le sue creature.
Nel mondo di Alberto Giacomini si era scesi sulla Luna, nel nostro si è atterrati su Marte meglio scoprendolo, ma guardando lontano stiamo attenti a non distruggere il nostro!
Questa mostra e la sensibilità artistica e ricca di significato di Silvia Della Rocca auspichiamo e vorremmo sia un elemento per far suscitare tale sentimento e sensibilizzazione, suscitando nella nostra coscienza e nel nostro animo un profondo e spontaneo rinnamoramento verso il nostro Pianeta e del meraviglioso sguardo che questo ci offre sull’Universo, i Pianeti, le Stelle e la Luna.
Anche in questo ci piace ritrovare la sensibilità e l’attenzione che anche con i suoi brevetti e innovazioni tecnologiche Alberto Giacomini aveva nei confronti del rispetto per le persone e del territorio del Lago d’Orta, per lui “un paradiso da preservare e da donare” alle generazioni future.
La presenza delle opere fotografiche artisticamente e culturalmente non meno importanti richiamano anche l’attenzione su come in primis ogni uomo, ogni tribù o popolazione siano un mondo e un microsistema ricco di esperienze, tradizioni e cultura altrettanto importanti e fragili da preservare e sostenere come radici di nascita, crescita ed evoluzione. In questo la donna e artista Silvia ci fa scoprire umanità e sensibilità delle volte a noi ancora sconosciute da scoprire e rispettare nella loro libertà di espressione ma soprattutto da cui ritornare a imparare l’attenzione e la sensibilità con il saper vivere a contatto e nel rispetto della natura e dell’habitat in cui ci si trova.
Alberto toccando come uomo e imprenditore oltre 116 Paesi nel mondo a suo modo, in un’epoca diversa l’ha fatto.
Se oggi a differenza dei tempi di Alberto con “un click” si può arrivare in ogni parte del mondo, vederlo e apprenderne notizie ed entrare in contatto con le persone, arrivare al cuore di queste con il nostro è un’altra cosa, e in questo ci aiuta Silvia con le sue immagini ricche di significato ed emozione che sapranno suscitare in tutti voi il sentimento di sensibilità, rispetto, tolleranza e voglia di interrelazioni insieme alla scoperta della bellezza del confronto di cui questo mondo social ha una impellente necessità.
Vi auguriamo, assieme ad una buona mostra, che voi attraversando le sale di Villa Gippini abbiate modo di poterlo provare mossi dai moti della Luna di stupore e gioia di cui tutta l’umanità ha bisogno dopo anni come questi per un universo di rinascita e vita.


Andrea Giacomini

GENESIS - ETNIKA

DISCOVER THE WORLD of Silvia Della Rocca.

Un’ experience artistica che si sviluppa in due differenti Exhibition:
GENESIS – una mostra di arte materica dove emergono Lune & Pianeti di forme e cromatismi differenti che si susseguono in una dimensione onirica sospesa nel tempo portando lo spettatore nel mondo visionario dell’artista & ETNIKA – una mostra video-fotografica attraverso etnie e popolazioni tribali capaci di mantenere intatte le loro tradizioni millenarie, sopravvissute alla clessidra del tempo, e popoli custodi di culture che stanno scomparendo.

L’evento si terrà all’hotel San Rocco domenica 27 giugno dalle ore 18.00 con l’apertura della mostra in presenza dell’artista.
Organizzato in collaborazione con l’ Hotel San Rocco, la mostra è supportata dalla Fondazione Cavaliere del Lavoro Alberto Giacomini.

GENESIS & ETNIKA sono allestite nelle stanze di Villa Gippini, elegante edificio barocco annesso all’Hotel San Rocco a Orta san Giulio e sarà aperta al pubblico tutti i giorni dalle ore 10.00 alle 22.00.

La Mostra rimarrà aperta fino al 20 Agosto 2021.

Per informazioni chiamare 0322 911977 oppure scrivere a: info@hotelsanrocco.it  – eventi@hotelsanrocco.it